Il Natale secondo me..

Tecnicamente il Natale è la festa per la ricorrenza della nascita di Gesù Cristo.
Ricorrenza festeggiata in tutto il mondo cristiano, che comprende in particolar modo l’Europa e l’America.
Da bambino, impari a conoscere questa festività con la famiglia, che si affaccenda nei preparativi, e all’asilo dove hai il compito di memorizzare poesie a tema. Ovunque c’è chi parla della magia del Natale, nei film , in tv, alla radio, le luci , le persone per strada. E poi c’è lui ovviamente: Babbo Natale. L’unico ed inimitabile idolo di ogni bambino , rosso panciuto e generoso; abitante a polo con i suoi aiutanti elfi e renne volanti.
Così, con la magia del Natale nel cuore, ti sembra sempre meraviglioso questo periodo.
Poi cresci, e ascolti da qualcuno che il Natale è diventato solo un consumismo sfrenato, non ci sono più i valori che lo contraddistinguevano, solo questione di regali…
Scopri che Babbo Natale è  stato inventato dalla Coca-cola , gli auguri che prima dispensavi a destra e a manca, ora spesso diventano forzati e cominci a distinguere gli auguri di evenienza. Le cene coi parenti una volta gradite, d’un tratto le sopporti.
 Sei costretto ad aprire gli occhi.  Non è tutto oro quello che luccica.
Arrivi a chiederti “Perché si festeggia ancora il Natale?”
Come sempre, la chiave è come affrontare le cose .
In una società come la nostra, dove la vita si accelera a dismisura, i rapporti con gli altri sono molteplici, complessi o fugaci; abbiamo bisogno di un momento per rallentare e riflettere,  su di noi e chi ci circonda.  Vivere il Natale ,e le festività che si porta dietro, in modo consapevole senza forzature ( A prescindere se si è credenti o atei). Secondo me questa festività è il modo migliore per ricordarci degli amici e parenti lontani. Quelli che , a causa dei nostri doveri quotidiani, abbiamo perso di vista Cogliere l’occasione per far sentire la nostra presenza a chi vive lontano ,ma in fondo ci è vicino nel cuore . Non sforzarsi a fare regali a chicchessia e mandare messaggi anche a chi , se incontri per strada, fai finta di non riconoscere ma invece concentrare le energie sui veri legami della nostra vita
Solo così potremo conservare un ricordo positivo del Natale, trascorrerlo in serenità e magari ricominciare ad attenderlo in trepidante attesa , come quando eravamo piccoli
.

    By Kirby
<!–

–>

Annunci

3 risposte a “

  1. Leggendo il tuo post ho sorriso…
    E' la medesima cosa che ho scritto io in un mio post e che sto pubblicando a puntate.

    Almeno non sono l'unica.

    L8D

  2. concordo in toto con quello che hai scritto…
    sempre più frenesia, superficialità, consumismo..quando basterebbe la semplicità dei sentimenti..

    quest'anno Natale difficile… più che mai..

    I. ;D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...