Il cielo sopra la mia testa

Ovunque vada il cielo sopra la mia testa è sempre lo stesso. Cambiano le città, gli edifici, i monumenti, le strade, le chiese i paesi, i sorrisi, la gente, gli alberi, le montagne ma il cielo no. Perfino il mare non è lo stesso, all’orizzonte si spostano isole e coste e fari e barche; e il colore cambia, per non parlare dell’odore che penetra le narici. Qualsiasi città di mare ha il proprio, profumato o puzzolente che sia, e perfino il sapore; il sapore salmastro che ti lascia sulla pelle, cambia ogni volta.
Il cielo no, quando alzo gli occhi, è sempre lì a rassicurarmi con la sua costanza. Ovunque posso trovare un cielo limpido, o con quelle nuvole bianche e soffici che mi piacciono tanto. Il cielo grigio e tempestoso è uguale sia a Napoli sia a New York . La notte tempestosa gela il sangue ovunque e un cielo stellato è bello anche tra le mura di una prigione.
Forse quello che scrivo, è una banalità, ma nella mia vita è la prima volta che riflettevo sull’immutabilità del cielo, una piccola verità cui sono giunto solo oggi.
Qualche pignolo potrà obbiettare che la posizione delle stelle è diversa secondo il mio punto sulla Terra, ma io sono ignorante in astronomia e preferisco abbandonarmi disteso sotto le stelle e concepirle per quello che sono; diamanti cuciti su di un vestito di seta nera e il suo miglior pendente appaiato è la Luna.

By Kirby

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...