Scalare le nuvole

Sto seguendo un corso di improvvisazione teatrale,  ecco i miei pensieri in merito

 

Dedicato a Giorgio e a tutti i miei compagni.

Che cos’è l’improvvisazione teatrale? Come direbbe il Necchi è fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione.
Nelle opere teatrali, il testo è il fulcro. Intorno si costruiscono mondi vecchi e nuovi; agli attori, il compito immergersi e diventare parte di essi. Ore su ore trascorse a puntellare voci; a dipingere movenze e incollare passioni. Per creare il cosmo perfetto.
Se improvvisi invece, non hai la strada, non c’è una meta e non puoi poggiarti su pilastri di parole resistenti ai secoli.
L’improvvisatore scala le nuvole. Con energia prende la rincorsa, una piccola parola gli farà spiccare il salto e il suo compagno sarà lì ad afferrarlo. Ma su una nuvola non puoi fermarsi, rischia di affondare e cadere sotto; allora deve essere veloce, un altro scatto, per un nuovo balzo nel vuoto. Non deve preoccuparsi, le nuvole sono amiche, possono trasformarsi per e fargli raggiungere punti incredibili; il cui unico limite è l’immaginazione.

Non c’è tempo di guardarsi indietro, si puoi solo prendere un respiro e salire, nuvola dopo nuvola, sempre più in alto, in una folle scalata in cui l’arrivo è quasi superfluo, perché nel percorso è nascosta la bellezza.

In un viaggio in cui le scarpe sono le parole, le corde sono i gesti, e i trampolini sono le emozioni.

By Kirby

null

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...